martedì, maggio 24, 2016

Cronaca di un lunedì nebbiolesco

Il lunedì, che è giorno di chiusura in enoteca, lo dedico spesso ai miei tour per vigne. Ieri il tema conduttore era (soprattutto) il nebbiolo tra Serralunga e Roero. Così la prima tappa è stata da Schiavenza, uno dei soliti noti per me, ad assaggiare i nuovi arrivati 2012. Mentre le vigne singole Cerretta e Prapò si confermano salde certezze, ho avuto un discreto innamoramento per il Barolo che reca in etichetta la menzione geografica del Comune di Serralunga d'Alba: speziato e molto balsamico, mordace, col bel caratterino tipico della zona di provenienza (Serralunga vuol dire longevità, potenza). Eppure è anche molto Barolo-da-bere, che per me rappresenta la quadratura del cerchio. (Prezzo: poco sopra i 30 euro). Poi certo, il mio cuore batte sempre per quel Barolo Chinato. La tipologia è curiosa: si prende un buon Barolo, si aggiunge alcol (cioè si fa un vino liquoroso) più la consueta ricetta segreta della casa (corteccia di china, forse chiodi di garofano, cannella, chissà che altro) per un vino dolce che ha la memoria del nebbiolo e la dolcezza antica e corroborante di un fine pasto/liquore fatto in casa. Chi lo prova una volta non lo dimentica più, e ne diviene dipendente. Costa 34 euro, ben spesi.

Poi dirigo la papamobile verso l'area del Roero, dall'altra parte del Tanaro dove i nebbioli generano altri rossi forse meno austeri ma non meno interessanti. Avevo il ricordo di un recente assaggio, e un nome segnato da qualche parte, Silvano Nizza. Andiamo a vedere, allora.

Forse un parametro per valutare la qualità dei vigneti potrebbe essere la frizione dell'auto: tanto maggiore è il consumo di questa parte meccanica necessario a raggiungere il luogo, tanto più interessanti potrebbero essere i vini che da lì provengono. Per arrivare alla Frazione Balla Lora di Santo Stefano Roero si sale, si sale molto, scali le marce e ad ogni curva la strada si stringe. Quando pensi "va be' adesso mi fermo e continuo a piedi" sei arrivato alla cantina.

Tutti interessanti gli assaggi in azienda, soprattutto l'Arneis 2015 promette belle cose, e certamente il Roero che è la Docg importante della zona. Appunto sono a caccia di nebbioli e quel Nebbiolo d'Alba 2013 è lui, è quello che volevo: un anno di legno poi vetro, austero e serio senza annoiare, anzi, condizionato da una beva contagiosa. Finirà sullo scaffale a 14 euro.

Si torna a bottega col carico prezioso, e si pensa già al prossimo lunedì.

mercoledì, aprile 27, 2016

Svitati di tutto il mondo unitevi: si assaggia MVR 2014, un rosso tappo-a-vite

Probabilmente arriverà un giorno nel quale non dovremo più scrivere post sull'utilità dei tappi a vite rispetto ai tradizionali tappi di sughero. Probabilmente arriverà un giorno nel quale sarà pacificamente accettato un tipo di chiusura alternativa, che presenta anche un bel po' di vantaggi in più rispetto al sughero. Ma quel giorno non è oggi, quindi ci tocca fare la premessa.

Quanto a me, poi, ho scelto da tempo di dare l'esempio, quindi oltre alla preferenza di tipo verbale (diciamo) faccio seguire i fatti, comprando volentieri vini tappati con il cosiddetto screwcap, il tappo a vite. Anzi, ora che tra i miei fornitori Marta Valpiani ha scelto di imbottigliare il suo Marta Valpiani Rosso anche con lo screwcap, ho ordinato solo quel tipo di bottiglie.

Venerdì 29 aprile Elisa consegna personalmente, e in sua compagnia in enoteca stappiamo (anzi, svitiamo) il nuovo MVR vendemmia 2014, tra le 11 e le 20. Più altre varie, eventuali, eccetera. Un'ottima occasione per sentire di persona in cosa consistono quei vantaggi in più di cui dicevo sopra - che poi è anche, sempre, quell'altra solita cosa: è bello scrivere di vino, ma vuoi mettere com'è meglio assaggiare?

[Qui il link all'evento sulla pagina Facebook dell'enoteca. Ma quant'è bello sto termine? EVENTO. Figo eh]

giovedì, aprile 14, 2016

Alcuni appunti molto sparsi dopo Vinitaly 2016

La prima cosa da dire sarebbe questa: arriva la vendemmia 2015 e alcuni vini sentiti alla fiera veronese promettono già meraviglie. Partendo dai miei altoatesini di riferimento, ad esempio il Pinot Grigio Oberfeld di Kobler e il Moscato Secco di Thurnhof, che ai primi assaggi erano già formidabili.

Il primo giorno della fiera l'ho impegnato in assaggi di Liguria che riguardano la Guida Essenziale ai Vini d'Italia, con cui collaboro, e tra tutti voglio segnalare un Vermentino Riviera di Ponente, quello di Terre Bianche, che ho trovato semplicemente grandioso (naso minerale quasi da riesling): non sarà tra le cose che vendo, perlomeno non a breve, ma se lo trovate in giro non fatevelo scappare. Poi si preannuncia un bel momento per il Rossese di Dolceaqua grazie alle versioni superiori 2014, che hanno la solita triade top in Maccario, Terre Bianche e Ka Manciné.

Altro assaggio alquanto indimenticabile è il bianco a base zibibbo, secco, prodotto a Menfi (Sicilia) da Marilena Barbera, "Ammàno" #3, probabilmente una delle migliori versioni di zibibbo secco mai assaggiate nei secoli dei secoli, insomma mette quasi soggezione. Due cose sulle bollicine: sempre bene il Franciacorta Rosé di Gatti, la sorpresa per me viene da Valdobbiadene. Le versioni brut di Prosecco non mi hanno mai particolarmente convinto, ma stavolta faccio una bella inversione a U: Spagnol col suo Col del Sas brut ottiene la perfetta quadratura del cerchio, perfetto mix di acidità e morbidezza - del resto si chiama brut ma ha pur sempre un dosaggio zuccherino sensibile, otto grammi per litro. Insomma era perfetto. Felice di vedere uno dei miei prosecchisti del cuore ha centrato anche quell'obbiettivo.

Poi altre conferme: il Lambrusco 2015 area Parma di Monte delle Vigne, classico vino che con una mano tengo il bicchiere durante l'assaggio e con l'altra compilo l'ordine immediato al produttore. Per dire.

Ci sarebbe poi la lunghissima e totalmente irrisolta questione dell'organizzazione della fiera - sto seguendo due dibattiti su Intravino, qui e qui - ma temo che anche quest'anno si arriverà a nulla. Il mondo si divide ormai in chi va a Vinitaly e chi (felicemente) ne sta alla larga. Io faccio parte della prima schiera, quanto basta per dire che in mezzo a carenze obbiettivamente imbarazzanti la folla a Vinitaly ogni anno pare semplicemente oceanica. Per paradossale che sia, il successo di Vinitaly determinerà sempre più il successo delle micro rassegne settoriali, tematiche, che si qualificano, appunto, per non essere elefantiache come Vinitaly. Fate la vostra scelta.

mercoledì, marzo 16, 2016

Nuovi descrittori supergiovani finalmente disponibili

In enoteca questa settimana c'è un nuovo arrivo e un ritorno. La novità è rappresentata da Cascina Praiè, che produce pigato, rossese, pure rosé, della Riviera e altri classici del ponente ligure. Tutte cose che ho trovato niente male e infatti comprate al volo. Tra l'altro (piccola anticipazione) Praiè è al momento il primo e il solo produttore ligure di una bollicina rifermentata colfondo (questa la capiscono solo gli enofili hardcore ma non disperate, poi ve la spiego meglio). Quindi indovina un po' chi è l'enotecaro che ve la vende, prossimamente.

Il ritorno è Maso Bergamini, con Pinot Nero Trentino e Teroldego ma soprattutto con un metodo classico, Trento Riserva, dalla lunghissima presa di spuma (significa che è buono): ha grande pienezza ed eleganza quasi butirrosa.

Oddio scusate, ho detto "butirroso". C'è che ormai quando mi lancio nelle descrizioni dei vini mi sovviene solo dopo un po' che è arrivata l'alba delle descrizioni minimaliste. Bisogna andare per sottrazione, meno dici meno meglio è. Io sarei pure d'accordo.

Anzi vi elenco di seguito i descrittori positivi del vino che uso ultimamente:

- Niente male (vedi sopra).
- Hum, ci siamo.
- Ah, ecco, sì.
- Bel lavoro.
- Oh, finalmente.
- Questo piace.

Quelli negativi invece sono:

- Bah.
- Annata sfortunata, peccato.
- Nah.
- Siamo distanti.
- Non lo capisco (che è un po' come "non sei tu, sono io").
- Vediamo come evolve (che è un po' come "le faremo sapere").

martedì, febbraio 16, 2016

Sui vini naturali e sulle loro recensioni mai scritte

Poi un giorno sarà divertente creare una serie intitolata "i post che non ho mai pubblicato". Di solito si evita di scrivere, soprattutto, per prevenire gli scazzi. Per esempio il tema dei vini naturali continua ad essere un luogo dove il dibattito sembra, troppo spesso, inutile ed improduttivo. Ho trovato abbastanza definitivo quel che scrive Giovanni, su Intravino:

«L’approccio alla degustazione di vini naturali deve essere laico, forse più che in altri casi. Il carico di contenuti non direttamente collegati alla degustazione (etica, politica, ecologia, metteteci tutto quello che credete) è ingombrante e il rischio di filtrare il giudizio sulla base di quei contenuti ahimè, molto alto. La faccenda quindi è stabilire quale sia il giusto approccio per misurare vini a cui, in altro contesto, non concederesti prove d’appello. Se un vino cosiddetto convenzionale (sono pigro inventatevi voialtri un aggettivo adeguato) fosse ossidato o avesse la volatile molto alta, non ci sarebbe appello: via, lavandino. In questo caso invece si richiede uno sforzo supplementare e l’utilizzo di un lessico alternativo. Si sente parlare di “tensione”, di “energia”, vengono insomma utilizzati vocaboli alternativi per evidenziare caratteri altrimenti difficili da decifrare».

In particolare, la difficoltà di arrivare ad un qualche tipo di dibattito critico ma soprattutto utile, sempre citando Giovanni, è tutta qui:

«O giudichiamo i vini tutti con lo stesso metro di giudizio oppure stabiliamo che per i vini naturali bisogna applicarne uno nuovo. Se sì, quale? E conviene? Il rischio riserva indiana è alto. Se invece giochiamo tutti lo stesso campionato bisognerà accettare di essere misurati con gli strumenti disponibili e semmai contribuire a fornirne di nuovi. [...] Si fa avanti la percezione che taluni produttori si siano fermati, abbiano individuato un mercato fatto di estimatori acritici e non vogliano proseguire, evolvere, ma stare nel buco. Questo è un rischio ed è il vero terreno di sfida».

Comunque, dopo VinNatur a Genova, il mio post che non ho mai pubblicato cominciava così:

«A margine di tutto, e al netto degli assaggi, esco da questa edizione di VinNatur con un discreto scontento. La percentuale di vini che passano il test "sì-no" è il maggior oggetto di dibattito tra gli amici che ho incontrato. Quanti sono stati quelli "sì"? Un terzo dei presenti? O piuttosto un quarto, come ho rilevato io? Troppo pochi, comunque. Pesa, su tutto, l'impressione che una parte maggioritaria di questo movimento naturale sia al centro di un percorso, che sta compiendo in mezzo a troppe difficoltà (per esempio la recente vendemmia 2014 non ha aiutato). Ma ancora troppe pungenze, volatili, imprecisioni. Lo dico con una certa tristezza, ma questo percorso sembra davvero lunghissimo e non si vede l'arrivo, che per me consiste in una naturalità del vino che elimini, una volta per tutte, le caratterizzazioni che sconfinano, purtroppo, nella caricatura».

giovedì, febbraio 11, 2016

Le care vecchie cose

Un effetto laterale delle vendite di fine anno è l'azzeramento di una certa parte di magazzino, soprattutto per quel che riguarda i vini un po' vecchi, cioè i vini che gli enofili chiamano maturi. La maturità in un vino è un fatto formidabile, e quando è raggiunta in modo sereno è in grado di regalare sensazioni notevoli al fortunato bevitore. Si tratta di aspettarla al varco, un po' la cerchi e un po' ci capiti incontro per caso. Di fatto, io faccio sempre in modo di avere qualcosa di disponibile, in quello stato di grazia.

Però appunto il magazzino in questi giorni langue. E allora cerco con qualche voluttà tra i miei fornitori, quelli che hanno qualcosa di maturo. In particolare i bianchi mi danno grandi soddisfazioni, quando hanno le potenzialità iniziali per affrontare qualche anno, e le attuano appunto da maturi. Così uno dei miei distributori del cuore aveva un paio di cose, e me le sono prontamente afferrate, un po' alla cieca, in modalità "stiamo a vedere".

Lo chardonnay a destra nell'immagine è un langhetto che dal 2011 ha fatto sei mesi di legno (non piccolissimo ma nemmeno grande: tonneau). Adesso ha perso il morso legnoso per assestarsi su una vena più rasserenante, di frutta tropicale, mantenendo comunque freschezza: quindi una bevuta quasi perfetta.

Il sauvignon invece è un isontino, affinato solo in acciaio, ed è un 2012: al naso ha ancora quel ricordo di foglia di pomodoro, quindi una nota verde/selvaggia abbastanza tipica del vitigno. A questa si aggiunge la frutta bianca molto matura. In bocca ha stoffa salina/acida ancora abbondante, che quasi mi fa dire: non è nemmeno al suo massimo. Però insomma, che piacere. Sui 12-13 euro in enoteca, a trovarli.

domenica, dicembre 13, 2015

Segnali natalizi

Nel corso del tempo ho sviluppato una specie di culto per un film di M. Night Shyamalan, Signs. Un elemento fondante della storia, da cui deriva anche il titolo, è che il mondo attorno a noi ci fornisce dei segnali per interpretare il presente o prepararsi al futuro. Capisco che sia bizzarro, ci sono molti culti più fondamentali e articolati, ma io ho quello per Signs.

Così questa mattina aprivo l'enoteca ben presto, è domenica e si lavora tutti i giorni sotto Natale. Lavorare continuativamente anche nei giorni di festa a volte non predispone al buonumore, e difatti stamattina tiravo su la serranda un po' grumpy, cioè ammusonito.

Mentre spazzavo la strada davanti alla porta passa un nugolo di bambini coi genitori, diretti alla macchina, forse a fare acquisti o chissà dove. Hanno cinque-sei anni e parlano fittamente tra loro ad alta voce di Babbo Natale. Perché insomma, almeno a sei anni ci puoi anche credere, a Babbo Natale.

Adesso è chiaro il motivo per cui credo a Signs? Il mondo ti manda segnali, a volte esattamente quando servono. Basta saperli interpretare. E comunque adesso sono di buonumore: buon Natale.